Acqua, Olio e Sale esorcizzati

Croce SACRAMENTALI IN USO AGLI ESORCISTI CATTOLICI

 

Prima di iniziare a parlare dei sacramentali, è necessario affrontare una piccola questione. Nel corso di questa nostra trattazione circa gli esorcismi e le possessioni diaboliche, abbiamo avuto modo di approfondire il fatto che affinché un esorcismo, o una preghiera di liberazione, abbiano efficacia bastano tre elementi: essere battezzati nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, avere fede ed operare ordinando la liberazione nel santo nome di Gesù.

 

Olio di oliva esorcizzatoGesù stesso, del resto, scacciava i demoni con il solo uso della parola. Egli, molto semplicemente, ordinava ai demoni di andarsene dal corpo del posseduto, e questi se ne andavano. Gesù non faceva uso né di olio, né di acqua esorcizzata, né di altro: la sua voce e l'autorità (divina) che provenivano dalla sua persona erano sufficienti.

 

Ma perché oggi, allora, gli esorcisti - e chi pratica preghiere di liberazione - fanno ricorso anche ad altri "mezzi", quali ad esempio immagini sacre, crocifissi e gli stessi sacramentali (acqua, olio e sale esorcizzati)? Non basta la fede in Dio e un ordine dato nel nome di Gesù per scacciare i demoni?

 

In effetti, sì: essere battezzati, operare con fede e farlo nel nome di Gesù è più che sufficiente a liberare un posseduto. Ma l'esperienza di molti esorcisti ci insegna che spesso il ricorso a determinati "simboli" e "segni sacri" si rivela di grande aiuto: a volte, addirittura, si arriva ad una liberazione proprio grazie all'uso di questi "mezzi".

 

1) I SIMBOLI

 

A ben guardare, una croce, una bibbia o un'immaginetta della Vergine Maria posti sulla fronte dell'indemoniato non dovrebbero causare ai demoni presenti alcuna sofferenza: essi sono puri spiriti e non possono essere "irritati" da oggetti materiali... Se così fosse verrebbe da chiedersi dove sarebbe più opportuno porre la croce: se sulla fronte o sul petto. Dove dovemmo localizzare esattamente, nel corpo del posseduto, la presenza demoniaca? No, in realtà la questione è un'altra e si spiega in maniera molto più semplice: la croce, la bibbia o le immagini religiose, sono "elementi" che rappresentano - che "significano" - delle precise realtà spirituali. Usare questi mezzi con fede, significa avvalersi di simboli spirituali. E non è la croce in quanto tale o l'immaginetta sacra a determinare un tormento negli spiriti presenti nel corpo dell'indemoniato, ma il simbolo che la croce rappresenta, ciò che essa "rievoca" loro. Lo ripeto: è il simbolo che quell'elemento acquista in forza della fede, e non l'oggetto in sé, a determinarne l'effetto di tormento e a volte di liberazione dai demoni. Ovviamente se questi "mezzi", poi, oltre ad essere usati con fede, sono anche benedetti, l'effetto è maggiore.

 

2) I SACRAMENTALI: "SEGNI SACRI"

 

Al Can. 1166 del CDC leggiamo: "I sacramentali sono segni sacri con cui, per una qualche imitazione dei sacramenti, vengono significati e ottenuti per l'impetrazione della Chiesa, effetti soprattutto spirituali".

 

Questa definizione di "sacramentali", fornita dal Codice di Diritto Canonico, già da sola basta a spiegare il perché della loro "efficacia". I Sacramentali - così come anche la semplice acqua benedetta - non sono solamente "simboli": essi hanno qualcosa in più. I Sacramentali - quali l'acqua, l'olio e il sale esorcizzati - in forza della speciale benedizione che ricevono dal sacerdote, acquistano un concreto "effetto spirituale" grazie all'impetrazione della Chiesa, ossia per il potere che Cristo ha conferito alla Chiesa dopo averlo guadagnato con la sua morte in croce. I Sacramentali, dunque, sono di grande giovamento negli esorcismi e nelle preghiere di liberazione, perché hanno il potere di sortire un autentico "effetto spirituale" capace di produrre grandi tormenti negli spiriti maligni - a volte fino alla liberazione. Pure in questo caso, come per il precedente, utilizzare questi "strumenti" con fede viva, non può che aumentarne l'efficacia.

 

 

Croce ACQUA, SALE E OLIO ESORCIZZATI

 

A questo punto va fatta una breve chiarificazione circa la maniera di "agire" dei Sacramentali rispetto a quella dei Sacramenti.

 

• Ai Sacramenti è riconosciuta un'efficacia ex opere operato: operano per la forza di Cristo, sulla base del segno sacramentale, che dev'essere posto secondo il senso con cui la Chiesa lo compie,  quando si deve amministrare un sacramento (M. Kunzler - "La liturgia della Chiesa" - Jaca Book).

 

• I Sacramentali, invece, operano ex opere operantis ecclesiae, sono quindi efficaci per la forza della Chiesa che prega. Ma quando prega, essa non lo fa se non rivolgendosi al Padre, mediante il Figlio, nello Spirito Santo (M. Kunzler - "La liturgia della Chiesa" - Jaca Book).

San Michele combatte Satana

 

Ogni sacerdote può recitare le Preghiere del Rituale per esorcizzare l'acqua, l'olio e il sale: non occorre nessuna autorizzazione particolare; tuttavia è molto utile conoscere l'uso specifico di questi tre Sacramentali che, se usati con Fede, sono di grande aiuto.

 

 

- L'Acqua Esorcizzata

 

L'uso dell'acqua benedetta ci rimanda subito all'aspersione battesimale. Durante il rito esorcistico, nella preghiera di benedizione, si prega il Signore affinché l'aspersione con l'acqua ci ottenga i seguenti benefici: la liberazione dal Maligno e da ogni suo influsso su persone, case e luoghi; la guarigione dalle malattie; il perdono dei peccati e la protezione divina.

 

 

- Il Sale Esorcizzato

 

Il sacerdote esorcista può anche aggiungere un po' di sale esorcizzato all'interno dell'acqua benedetta/esorcizzata: l'uso del sale - quale duplice segno di purificazione - serve a rafforzare la richiesta di liberazione da ogni Male e da ogni sua insidia, e a invocare la presenza protettrice dello Spirito Santo.

 

 

- L'Olio Esorcizzato

 

Anche l'olio esorcizzato è un Sacramentale della Chiesa Cattolica. L'olio esorcizzato serve a porre in fuga la potenza dei demoni e a difendere dai loro assalti. Una sua proprietà specifica, però, è quella di separare dal corpo le avversità: nel caso di persone che hanno subito fatture in seguito all'ingestione di un qualche cibo malefico, l'olio (come pure il far bere acqua benedetta) si rivela molto efficace nel far espellere la fonte del Maleficio.

 

Che cosa si espelle? A volte saliva schiumosa o granulosa, altre volte pezzi di vetro, chiodi,  fili di corda annodati, fili di ferro arrotolati, fili di cotone, grumi di sangue...  L'impressione generale degli esorcisti è che tutti questi oggetti si materializzino nell'istante stesso in cui vengono espulsi, e che l'espulsione non provochi affatto danni per il corpo, ma solo benefici e sollievo.

 

 

Torna alla Home Page:

 

Preghiere di Liberazione - Possessione diabolica Liberaci dal Male | Home

 

Approfondimenti interni:

 

» I gesti e gli atteggiamenti nel rito esorcistico e nella preghiera di liberazione
Quali gesti si possono compiere e quali no, nell'esorcismo e nelle preghiere di liberazione

 

» La Medaglia di San Benedetto
La spiegazione di un sacramentale largamente diffuso tra gli esorcisti cattolici