Le preghiere di liberazione dal Male: cosa sono e come funzionano

Croce LA PREGHIERA DI LIBERAZIONE COME ARMA PER SCACCIARE GLI INFLUSSI DEL MALIGNO

 

In seno alla Chiesa si annoverano moltissimi casi di persone che, pur non essendo esorciste, scacciano efficacemente nel nome di Gesù qualsiasi tipo di demonio. Ma come mai? Liberare dai demoni non è un compito esclusivo dei sacerdoti esorcisti?

 

In verità no. La nomina a esorcista è riservata solo ai sacerdoti (su delega del Vescovo), è vero, ma liberare gli indemoniati dalle presenze/influenze diaboliche è un qualcosa che possiamo fare tutti: basta operare con vera Fede e farlo nel santo nome di Gesù.

 

"Questi poi sono i segni che accompagneranno i credenti: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se avranno bevuto qualcosa di mortifero, non nuocerà loro, imporranno le mani agli infermi e questi saranno risanati" (Mc 16,17-18).

 

San Francesco opera un esorcismo ad ArezzoAbbiamo già avuto modo di spiegare che, mentre l'esorcismo è una preghiera solenne e pubblica fatta con l'autorità della Chiesa (un sacramentale), le Preghiere di Liberazione sono una forma di preghiera privata: chiunque può pregare Dio perché gli ottenga la liberazione dai tormenti satanici. Anzi, qualora si fosse a conoscenza di una persona sofferente a causa del demonio e non si facesse nulla per poterla aiutare, si commetterebbe un grave peccato: non è così che Cristo ci ha insegnato ad amare il prossimo...

 

Le Preghiere di Liberazione, dunque, sono quelle preghiere che ognuno privatamente può recitare (per se stesso e per gli altri) al fine di ottenere la liberazione dal Maligno. E ciò in forza del fatto che lo Spirito Santo soffia dove vuole ed elargisce a ciascuno i propri doni secondo le necessità.


"C'è poi varietà di doni, ma un solo Spirito; c'è varietà di ministeri, ma un solo Signore; c'è varietà di operazioni, ma un solo Dio che opera in tutti. E a ciascuno è data la manifestazione dello Spirito per l'utilità comune. (...) Tutte queste cose le opera il medesimo e identico Spirito, distribuendole a ciascuno come vuole" (1Cor 12,4-7; 1 Cor 12,11).



LE PREGHIERE DI LIBERAZIONE SI POSSONO APPLICARE AD OGNI CASO DI DISTURBO DIABOLICO?

 

Il Codice di Diritto Canonico al Canone 1171 parla degli esorcismi in relazione agli "ossessi", ossia a quei casi di Possessione Diabolica vera e propria. Tuttavia, ciò non toglie che anche con le Preghiere di Liberazione si possa agire in merito alle Possessioni: ovviamente, laddove ce ne fosse la possibilità, avendo a che fare con le Possessioni, sarebbe preferibile intervenire mediante l'operato del sacerdote esorcista che, nello scacciare il demonio, oltre alla forza della sua preghiera a della sua fede, unisce il potere di benedire proprio del suo ministero sacerdotale e il mandato del Vescovo (che rappresenta la Chiesa) a praticare esorcismi. In ogni caso, non ci sono dubbi sul fatto che Gesù abbia conferito a tutti l'autorità di liberare dalle influenze e dai disturbi malefici purché sia agisca con fede e in forza del suo santo nome. Molto significativo, a questo riguardo, è un passo del Vangelo di Marco comunemente noto come "l'esorcista straniero":

 

<Gli disse Giovanni: "Maestro, abbiamo visto un tale scacciare i demòni nel tuo nome e glielo abbiamo proibito, perché egli non viene insieme a noi". Gli rispose Gesù: "Non glielo proibite, poiché non c'è nessuno che operi un miracolo nel mio nome, il quale possa subito dopo parlare male di me. Infatti chi non è contro di noi è per noi"> (Mc 9,38-40).

 


È PIÙ EFFICACE UN ESORCISMO, O UNA PREGHIERA DI LIBERAZIONE?


Entrambe queste forme di liberazione dal Male sono efficaci, anche se bisogna considerare - come abbiamo appena detto - che in un Esorcismo il potere di liberare dal demonio non è rimesso solamente alla fede/preghiera dell'esorcista e del fedele che chiede di essere liberato, ma anche alla "natura pubblica" propria di questa orazione liturgica:

San Benedetto da Norcia

 

- in un Esorcismo l'esorcista rappresenta la Chiesa nella sua "ufficialità" che, con uno scongiuro, ordina al demonio, nel nome di Gesù, di abbandonare il corpo del posseduto;

 

- nella Preghiera di Liberazione, diversamente, è la persona singola o - come più spesso accade - è il gruppo che, in forza della sua fede, della sua "santità" e della potenza che scaturisce dall'invocazione del nome di Gesù, opera efficacemente al fine di scacciare ogni influenza del Maligno.

 

In teoria, avere il mandato ufficiale della Chiesa Cattolica potrebbe configurarsi come un "valore" aggiunto in grado di supplire, in un certo qual modo, all'eventuale mancanza di fede da parte dell'esorcista o del fedele posseduto. Nella pratica, però, bisogna riconoscere che i laici, i religiosi e i consacrati  (non esorcisti!) che si dedicano alle Preghiere di Liberazione, spesso hanno ottenuto o ottengono molti più risultati, se così si può dire, degli esorcisti stessi. È il caso, ad esempio, di Santa Caterina da Siena, presso la quale venivano mandati molti indemoniati che gli esorcisti del tempo non riuscivano a liberare, e di San Benedetto da Norcia, patrono degli esorcisti. Questo perché Dio, nella sua infinita misericordia, non rifiuta mai le grazie a coloro che gliele chiedono con "fede".

 

Dice padre Gabriele Amorth (esorcista della diocesi di Roma) a questo riguardo:

 

"Un esorcista che amministra un esorcismo, ha un'efficacia maggiore, di per sé, perché compie un sacramentale, fa quindi una preghiera pubblica, che coinvolge l'intercessione della Chiesa. Ma stiamo bene attenti: il Signore tiene molto conto della fede. Per cui è possibile che la semplice preghiera del laico, benché preghiera privata, abbia più efficacia delle altre" (tratto da "Nuovi racconti di un esorcista", di G. Amorth - Ed. Dehoniane Bologna, 2002).

 


QUALI "GESTI" SI POSSONO COMPIERE NELLE PREGHIERE DI LIBERAZIONE? QUALI "FRASI" SI POSSONO DIRE?

 

Cominciamo col dire che alcuni "gesti" tipici dell'esorcismo, è meglio che rimangano di specifica pertinenza del sacerdote esorcista. Ad esempio, è bene che i laici non impongano le mani: sarebbe opportuno che a compiere questo gesto fossero solo i ministri ordinati (sacerdoti o diaconi), poiché il gesto di imporre le mani è un gesto "epicletico" e sacrale che invoca la trasmissione dello Spirito Santo, così come l'insufflazione (il gesto del soffiare sul volto del posseduto).

 

In via generale ai laici non è consentito aspergere/benedire con l'acqua santa una persona: lo potrebbero fare solo con se stessi o con le persone a loro strettamente collegate, come ad esempio i genitori nei confronti dei figli. Semmai i laici potranno avvalersi del crocifisso, delle immagini sacre e/o delle reliquie, se lo vorranno, oppure potranno fare il segno della croce con il pollice sulla fronte di colui che è tormentato dal Maligno; certamente dovranno astenersi dall'usare gli "scongiuri" specifici dell'esorcismo.

 

Per capirci, un laico non potrà dire al demonio "nel nome di Cristo io ti esorcizzo!": esorcizzare è un compito che spetta all'esorcista! Il laico, semmai, rivolgendosi a Dio, potrà fare una preghiera deprecatoria: "Padre Onnipotente, nel nome di Cristo scaccia da questa tua creatura ogni influenza degli spiriti maligni"; o, anche, una preghiera imprecatoria: "Spirito immondo, nel nome di Gesù Cristo ti ordino di uscire da questa creatura!".

 

L'esorcista padre Amorth, intervistato da un giornalista su questo argomento, risponde:

 

«Sia le preghiere di liberazione - che tutti possono fare -, sia le preghiere di esorcismo, sono rivolte a Dio: "Signore, ti prego di liberare questa persona..."; oppure vengono indirizzate a Satana: "Nel nome di Gesù ti comando di uscire"» (Marco Tosatti - Inchiesta sul demonio - Ed. Piemme Religio, 2003).

 

È bene sottolineare che i laici devono evitare di rivolgersi direttamente agli spiriti maligni per conoscerne il nome o per qualsiasi altra domanda, poiché "il dialogo  diretto col demonio può essere pericoloso per chi osa farlo senza la debita autorizzazione e quindi anche senza la protezione della Chiesa" (G. Amorth, Nuovi racconti di un esorcista - Ed. Dehoniane Bologna, 2002).

 

 

Torna alla Home Page:

 

Esorcismi - Possessioni diaboliche Esorcismi - Possessioni diaboliche

 

Approfondimenti interni:

 

» La preghiera di liberazione: approfondimenti e aspetti pratici

» I laici e gli esorcismi

» I gesti e gli atteggiamenti nelle Preghiere di Liberazione